A COLLOQUIO CON IL PROF. VITO TETI

di Domenico Stranieri (http://www.domenicostranieri.blogspot.it)

Questa è la mia seconda intervista al Prof. Vito Teti (Professore ordinario di Antropologia Culturale presso l’Università della Calabria) ed è stata realizzata prima della sua vittoria al Premio Letterario Nazionale Tropea, ottenuta il 10 Novembre con il romanzo storico “ Il Patriota e la maestra” (Quodlibet, 2012). Di lui, profondo conoscitore dei nostri scrittori e dell’umanità del Sud, recentemente si sono occupati i più importanti quotidiani italiani, come Repubblica ed il Corriere della Sera. Non per niente, proprio sul Corriere, il 13 novembre 2013, Gian Antonio Stella scrive: “Maledetto Sud, un libro bello e gonfio di amore struggente per il Mezzogiorno proprio perché non fa sconti alla terra natia...Vito Teti, già autore di libri densi e dolenti sullo svuotamento fisico e morale della sua Calabria interna (Il senso dei luoghi) e di studi fondamentali sul razzismo anti-meridionale come «La razza maledetta», non ne perdona una a chi ha ridotto il Mezzogiorno nelle condizioni attuali”.

Presentazione "Maledetto Sud" a San Nicola da Crissa

Venerdì 27 dicembre 2013 - ore 18.30
San Nicola da Crissa - Sala Consiliare Palazzo Mannacio


Presentazione del libro di
Vito Teti "Maledetto Sud"

Il Sud, paradiso e inferno

Vito Teti: usciamo tutti assieme e con forza dall’orribile «luogo comune»
Di Francesco Bevilacqua

Scriveva il poeta calabrese Franco Costabile: « Ecco, / io e te, Meridione, / dobbiamo parlarci una volta, / ragionare davvero con calma, / da soli, / senza raccontarci fantasie / sulle nostre contrade. / Noi dobbiamo deciderci / con questo cuore troppo cantastorie.»




Dalla Gazzetta del Sud 15 dicembre 2013