Archivio delle Culture Mediterranee – “Il paesaggio delle culture alimentari del Mediterraneo”, Paestum (SA) , 18 Settembre, 1998

Nella prima edizione del Mediterraneo Video Festival fu organizzato un importantissimo convegno a Paestum (Sa) dal titolo “ Il paesaggio delle culture alimentari del Mediterraneo” in quel caso il focus era sul paesaggio del Cilento, su indicazione del Prof. Massimo Cresta, l’allora direttore del Dipartimento di Biologia della Sapienza . Al convegno parteciparono l’allora presidente del Parco Nazionale del Cilento Vincenzo La Valva, Il prof. Vito Teti dell’ Università della Calabria, Virgilio Tosi, regista e divulgatore scientifico italiano. Il convegno si propose di fare un riflessione comune sulla dieta mediterranea e sullo stile alimentare delle popolazioni che vivono nei paesi mediterranei, a partire dagli studi che da oltre cinquantanni si svolgono nel Cilento. 
Il tema del convegno “ Il paesaggio delle culture alimentari del Mediterraneo”, all’epoca creò molto interesse nell’opinione pubblica . Si parti dalla prima indagine alimentare a Rofrano nel 1954 che fu documentata all’epoca da Virgilio Tosi e che raccontava le condizioni di vita di un comune rurale abbastanza rappresentativo dell’area e del rigore che governava il comportamento alimentare della popolazione. Tra i relatori del convegno di Paestum (1998 ) il prof. Vito Teti , interessantissima la sua relazione “sulle culture alimentari e stili di vita” . Le conclusioni furono affidate al prof. Massimo Cresta sul tema delle prospettive di studio sull’ alimentazione del Cilento a partire dal 1954 e sull’ evoluzioni e gli obiettivi che hanno caratterizzato gli studi nutrizionali nell’area cilentana, da quando l’interesse primario era incentrato sugli aspetti biologici, agli studi che sono attualmente in corso in cui emerge un perfetto connubio tra biologia, cultura ed economia, per fornire elementi di giudizio , per ottenere un’alimentazione equilibrata nel rispetto delle tradizioni delle popolazioni e del vero sviluppo . E’ in questa direzione che il prof. Cresta ha tracciato la sua linea di analisi e di studio .


Credo che l’insegnamento di Massimo Cresta ci spinge ad un riflessione seria rispetto un uso meramente strumentale del concetto di dieta mediterranea. Massimo Cresta ha fatto del Cilento il suo riferimento di ricerche e studi sull’alimentazione e lo stile di vita.

(Link suggerito da Maria Grazia Caso)