Con i canti di mia madre Buon Natale e un bel 2015

Il campanile del paese
Pace e Serenità e Bellezza
Non so dire meglio di quello che dicono i canti che ci ha donato mia madre (Caterina Iozzo, nata nel 1913, che ha appreso da sua nonna e da sua mamma e che ha trasmesso a me e a mia sorella e ai rispettivi figli).

 
La cona di Dorico

C'era una volta lo spaventapasseri

La testa tra le nuvole

Nuvole basse
  

Viaggio attorno alla mia camera

O caru Gesù miu
O caru Gesù miu
Quantu ni amasti
De Cielu nterra scindire volisti
De vigilanti furu li pastura
Chi si pigghiaru l’agnellu alli mani
Cumincano a lodare tutti quanti
Ed a sonare cu’ li soe strumente
Poe vinne l’ura de lu battezzare
A lu chiumi Giordanu ti nde jisti
Nostro San Gianni fude lu cumpare
L’Angeli tutti jà si nde scindiru
A Bettelemme ti depositasti
La dimuranza tua jà la facisti.


Nuvole basse
Bombineju de jocu avanti
Bombineju de jocu avanti
Venitinde alla casa mia
Ca ti conzu nu letticeju
Pe’ sta povera anima mia
Anima mia no’ stare cunfusa
Cà Gesù ti vole pe’ spusa
E ti vole e ti cuverna
E ti la duna la Gloria Eterna.

Tramonto di dicembre


Si partiru li tri Re magi
Si partiru li tri Re magi
De la parti de l’Oriente
Una stella li guidau
Bettelemme li trasiu
Quandu furu avanti la Grutta
Tutti tri si ndinocchiaru
E de oro argentu finu
Rugalaru a Gesù Bambinu
E tu Bambinu nasci
No pannizzi e nente fasci
Mancu focu pe’ scarfà
Fa la ninna la ninna dò
All’una de mezzanotte
Nesciu l’Angelu a Parrà
Pe’ mu avvisa li Pastura
C’avia nesciutu lu Redentoore
Gesu meo Gesu meo
Vero omo e vero Deo
Chiju sangu chi spargisti
Arricordati di me.
Tra due mari

Bombineju vattinde alla scola
Bombineju vattinde alla scola
Ca tua mamma la missa ti sona
Ti la sona cantata cantata

Lu Bombineju de l’Addolorata.
La testa nel cielo